Nuovo istituto agrario in località ‘Scacciapensieri’. Siena

A luglio 2008 la Provincia di Siena ha bandito un concorso per un nuovo polo scolastico in località “scacciapensieri”. Il concorso è stato vinto dal gruppo guidato da Adolfo Natalini. Noi abbiamo partecipato con questo lavoro.

Design Team: cesare griffa, riccardo sampietro, filippo rizzo, daniele forte, edoardo coda, andrea graziano, francesca pasteris, davide del giudice, mauro fassino

[estratto dalla relazione di concorso]

Sito di concorso

Il sito del concorso si presenta come un’area in dolce declivio, orientata a sud, immersa nel verde, dalla forma trapezoidale per una superficie totale di 18.900 mq. A sud l’area confina con terreni agricoli, a est con un’area boschiva, a ovest con Villa Paradiso. A nord, confina con la strada provinciale dello Scacciapensieri, che la separa dai fabbricati di Villa La Selva (Direzione dell’Istituto) e dai terreni agricoli dell’Istituto agrario. Il valore ambientale del sito è alto

Villa La Selva è una struttura dal notevole valore architettonico. Gli edifici dell’Istituto dedicati alla didattica sono invece in condizioni precarie e devono essere rimpiazzati da una nuova struttura capace di accogliere studenti e docenti e, sporadicamente, anche il pubblico esterno.

Schema architettonico generale

La stratigrafia, nell’ambito delle scienze geologiche, è la disciplina che studia la datazione delle rocce ed i rapporti reciproci fra unità rocciose distinte.
Per tomografia (dal greco témnó, tagliare, o tómos, nel senso di “strato”, e gráphó, scrivere) si intende la rappresentazione del corpo umano a strati.

L’orografia collinare del sito si presta ad una sua rappresentazione tramite un sistema stratigrafico di curve di livello. Ogni curva è la sezione orizzontale di collina ad un determinato livello. La precisione con cui viene rappresentato il sito dipende dal numero di curve di livello, e quindi dalla distanza tra le quote altimetriche di ogni curva. Più ci saranno curve, e più il sito rappresentato si avvicinerà alla realtà. Nella norma, le carte hanno delle curve altimetriche principali ogni 5 o 10 metri, e delle curve secondarie ogni metro.

Il rispetto della natura collinare del sito ha spinto il progetto verso una scelta architettonica forte e chiara: non si vuole proporre un edificio che spicchi dal suolo come un’entità ad esso estranea, ma, al contrario, si è deciso di lavorare su un organismo fortemente radicato nella stratificazione del suolo. In parte ipogeo, l’organismo risponde alle stesse leggi stratigrafiche del suolo e si compone di strati orizzontali sovrapposti. La distanza tra gli strati è di 50 cm, e quindi la risoluzione dell’organismo architettonico è molto alta, permettendogli una ottima capacità di inserimento nel luogo. Questo approccio è stato identificato con l’espressione “tomografia architettonica”.

L’organismo così concepito è stato progettato seguendo alcune linee guida, che sono state ritenute fondamentali in questa situazione:

  • La preservazione delle caratteristiche di naturalità del luogo: il mantenimento di una grande superficie verde alberata in cui il nuovo edificio si possa inserire riducendo al minimo l’impatto ambientale dell’intervento.
  • L’organizzazione programmatica del nuovo complesso studiata in modo tale da ottimizzare l’uso dell’edificio nei vari scenari possibili nella quotidianità e durante eventi straordinari come manifestazioni sportive o culturali.
  • La massima flessibilità di utilizzo, che si materializza nella estrema facilità di cambiamento delle partizioni interne del nuovo edificio.
  • La valorizzazione del rapporto tra interno ed esterno, ottenuta grazie ad una configurazione spaziale lineare
  • La valorizzazione dello spazio sociale, in cui avviene lo scambio tra dicenti e studenti.
  • Una elevata sostenibilità ambientale: il comportamento passivo dell’edificio garantisce la buona efficienza con consumi energetici ridotti, mentre il suo comportamento attivo è basato sulla massimizzazione dell’utilizzo di fonti di energie rinnovabili attraverso l’uso delle più recenti tecnologie impiantistiche.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: